LA CONVIVENZA FORZATA, DURANTE IL COVID, HA FATTO RISCOPRIRE EMOZIONI DI COPPIA CHE PAREVANO SOPITE. VEDIAMO COME.

By Marta Viappiani 10 mesi agoNo Comments

Partiamo dai dati raccolti dall’AISPA (Ass.ne Italiana di Sessuologia e Psicologia Applicata) che ha fatto una ricerca su 2000 persone e testare come il Covid avesse inciso nel modo di vivere la sessualità e la coppia.

-37% rapporto rimasto invariato

-33% ha risposto di sentirsi molto più unito al proprio partner

-17% non sa rispondere

-10% non sopporta più l’altro/a

-3% sta valutando separazione

L’epoca Covid ha aperto nuovi scenari di coppia con opportunità di crescita per tutti.

Ad oggi pare che il periodo di isolamento forzato abbia, per la maggioranza, fatto molto bene ai legami affettivi; infatti già dal primo lockdown verso il mese di aprile si sono riscontrate maggiori stabilità nelle coppie con un ritrovato “equilibrio”. Solo i rapporti che erano già in crisi non hanno migliorato la situazione.

Ma cosa è successo?
L’isolamento non ci ha permesso di continuare a fuggire: vita frenetica fatta di corse per lavoro, figli, gestione casa e tanto altro non permetteva di avere “tempo” da dedicare all’affetto, all’amore, alla coppia.

L’isolamento sì, ha potenziato il legame affettivo di coppia e permesso l’espressione di più emozioni vissute al suo interno.

Avevo in terapia alcune coppie che hanno ritenuto opportuno non continuarla on line ma rimandarla a tempi migliori. Non sapevo cosa avrei ritrovato. Ebbene ho scoperto che hanno usato il maggiore “tempo” a loro disposizione per parlare, progettare, condividere più momenti quotidiani quali il cucinare e le faccende domestiche.

Ed anche la sessualità ha preso un’altra spinta; il desiderio di giocare, ridere e divertirsi ha preso il sopravvento come fossero i primi tempi del fidanzamento.

L’esempio che faccio sempre è quello della piantina che ha un bellissimo fiore: la ritiro dalla finestra se piove, la rimetto se c’è sole indiretto, la annaffio regolarmente, la concimo insomma la curo affinchè rimanga bella e rigogliosa. E così funziona anche l’amore in una coppia alla quale, in questo periodo, ci si è dedicato cura, attenzione, tempo, dedizione, premura.

Ha anche permesso di riscoprire l’altro/a come Persona coi suoi pregi e difetti ma senza farlo in maniera frettolosa o nei ritagli di tempo. Ci si è dedicata maggiore riflessione! Potrei definire questa situazione come “ponte” tra frenesia e corse per inseguire tutto e tutti e dall’altra parte la riscoperta dell’uno e dell’altra.

In conclusione la convivenza forzata ha modificato la quotidianità cui eravamo abituati: si sono fatte scoperte sconcertanti come il cucinare insieme, il condividere una serie TV; favorendo così un nuovo e duraturo “equilibrio” di coppia

Biblio suggerita:

“L’amore è eterno finchè non risponde” E. Viola-Einaudi

“Quando l’amore diventa dipendenza” R. Cavaliere-Angeli

Categories:
  Ambito clinico, NEWS

Leave a Reply

Your email address will not be published.